Ho percorso la Weinstrasse verso la cantina Tramin molte volte nelle diverse stagioni e con variabili condizioni di tempo e di temperature. Il risultato è sempre stato una valigia di sensazioni sempre nuove e uniche.

Ogni località viticola ha la sua strada del vino ma mai come in Trentino ho potuto respirarne il vero significato, fatto di semplicità e cose umili, di rilievi, ordine ed estremo rigore interrotto da una dolce strada che non divide, che non altera il significato del luogo bensì lo rispetta e lo completa.

Abbandono l’autostrada dirigendomi verso il lago di Caldaro e il paesino di Termeno. Da subito noto la quasi totale assenza di agglomerati urbani. Il cemento ha lasciato il posto prima ai campi di mele e poi alle viti in un’ordine e una geometria quasi severa. Si respira una sensazione di calma e di pace.

Intravedo il lago e lo lascio alla mia destra continuando a percorrere la dolce strada in un leggero saliscendi quando in una immersa atmosfera silenziosa e dimessa si alza in sommità ad un rilievo la cantina Tramin alla mia sinistra.

cantina tramin a caldaro lungo la weinstrasse
image source https://chris.rebok.de/portfolio/wine-architecture/weinarchitektur-suedtirol/

Un grande ramo verde in metallo sorge dalla terra e vi si appoggia delicatamente. La prima impressione è forte. Stupore. In una quiete caratterizzata da piccole piante di vite e filari, improvvisamente un edificio totemico si manifesta.

Man mano che mi avvicino la dimensione si riduce. La strada si fa in salita e Tramin, percepita all’inizio dal basso verso l’alto come imponente, arriva alla mia quota e si fa più lieve.

cantina tramin a caldaro lungo la weinstrasse

Parcheggio l’auto davanti alla cantina. La guardo. Due grandi bracci verdi si liberano da una piccola struttura di uno stile architettonico completamente diverso e mi accolgono.

Entro nell’area vendita e degustazione. L’edificio è il paesaggio. Intorno a me si manifestano i colori della vigna, la strada, il lago di Caldaro. Quello che mi sorprende ogni volta della cantina Tramin è il suo “vestito”. L’involucro assume le sfumature del paesaggio circostante indossando giornalmente di nuovi colori le pareti vetrate dell’edificio. Al di là del vetro un ramo in metallo protegge l’edificio in un intreccio di fronde ma non è naturale. È un gioco di lamiere verdi.

La vite con i suoi tralci verdi fu l’idea originaria di progetto. Tramin nasce e si appoggia delicatamente sul suolo collegandosi concettualmente al lavoro dei quasi trecento soci coltivatori di quattordici tipi di vigneti quali: Gewürztraminer, Schiava, Pinot Grigio, Pinot Nero, Lagrein, Moscato Giallo e Rosa, poi ancora Pinot Bianco, Merlot e Chardonnay, e infine Sauvignon Blanc, Cabernet Sauvignon e Müller Thurgau.

cantina tramin a caldaro lungo la weinstrasse

Oltre ad una forma fortemente iconografica, l’intero complesso della cantina Tramin è un riferimento alle montagne trentine locali. Esso infatti restituisce in un gioco di linee della facciata, lo skyline del territorio retrostante. Tramin crea e plasma il luogo circostante divenendo scultura.

cantina tramin a caldaro lungo la weinstrasse

Gli interni della Kellerei Tramin sfruttano il materiale naturale del legno di rovere per i pavimenti e gli arredi, i controsoffitti, studiati nei minimi dettagli insieme alle luci, sono cromaticamente neutri e compongono geometrie sempre nuove in grado di richiamare il movimento della vigna fra le zone in luce e quelle in ombra. L’unica eccezione la troviamo nella barricaia con l’intero ambiente finito dal colore rosso rubino che mi richiama subito alla mente il colore del vino, del Lagrein.

Il tema dell’intero progetto di Tramin mi porta a soffermarmi sulla volontà di stupire in tutti i modi il visitatore per la sua presenza. Dall’interno la cantina non esiste quasi, ma da fuori la sua morfologia spezza le logiche del genius loci, l’identità del territorio.

Spesso edifici che puntano a questo tipo di esagerazione riescono facilmente a catturare l’attenzione del viaggiatore ma possono mancare della capacità di relazionarsi con il luogo da cui dipendono.

 

Hai visitato la cantina Tramin? Raccontami la tua esperienza e lascia il tuo commento!

Se anche tu sei appassionato di cantine viticole, non dimenticare di iscriverti alla mia newsletter per restare aggiornato sui prossimi articoli!

 

cantina tramin a caldaro lungo la weinstrasse
image source http://www.werner-tscholl.com/revitalisation/kellerei-tramin-tramin-2010/

cantina tramin a caldaro lungo la weinstrasse

cantina tramin a caldaro lungo la weinstrasse

cantina tramin a caldaro lungo la weinstrasse

 

 

Write A Comment

Iscriviti alla mia newsletter

Riceverai una mail SOLO quando pubblico i miei nuovi post

Le tue informazioni non saranno condivise con terze parti