Sto per partire verso il Fairmont Jaipur in quella che rappresenta una delle esperienze più incredibili che io abbia mai vissuto: un matrimonio induista in stile Bollywood! Se non l’hai ancora fatto, non perderti l’inizio di questa storia leggendo il primo articolo di questo racconto a puntate.

Jaipur dista da Delhi, dove mi trovo, poco più di 250 chilometri in direzione sud ma, con le strade indiane, ci vogliono circa 4,5 ore di auto. Se poi consideri la sosta spuntino del conducente, (in compagnia di cani, cammelli e mucche che pascolano indisturbati lungo l’autostrada polverosa) allora superi comodamente le 5 ore.

strada verso jaipur

L’arrivo al Fairmont Jaipur

Le antiche residenze dei Mahraja hanno sempre esercitato in me un forte fascino grazie ai racconti e alle illustrazioni delle novelle de “Le Mille e una notte”. Sin da piccola avevo desiderato vedere di persona questi incredibili palazzi ma, ora che il sogno sta per prendere forma, temo che le mie aspettative siano troppo fantasiose e che la realtà non sia paragonabile all’immaginazione di quando ero bambina. 

Osservo il paesaggio che mi accompagna verso Jaipur caratterizzato da una distesa di pianure aride alternate a brulle colline che si inverdiscono man mano ci avviciniamo verso Sud. Improvvisamente la voce di Gagan (non è il fratello di lady Gaga, ma l’autista) mi distoglie dai miei pensieri per avvisarmi che stiamo per giungere a destinazione.

Respiro e svuoto la mente. Niente più cercare, niente più immaginare, voglio lasciarmi sorprendere!

L’auto rallenta. Svolta a destra e in lontananza sento riecheggiare i battiti di Gong e rulli di tamburi. Ci siamo, apro gli occhi!

fairmont jaipur hotel

Quando il Fairmont Jaipur si staglia di fronte a me, rimango letteralmente senza fiato! La realtà ha superato l’immaginazione e il timore ha lasciato spazio alla meraviglia.

Vengo subito colpita dai decori e dagli stucchi preziosi, un albergo da Palazzo Reale caratterizzato da alti archi e cupole ottagonali, una fusione di stili persiani, ottomani con influenze islamiche…

E’ in questo preciso istante che realizzo: il sogno sta per avere inizio! 

Attraversiamo il massiccio cancello di legno, preceduto da un controllo a tappeto dell’auto da parte della security: apertura del baule e del cofano, ispezione all’interno dell’abitacolo mentre, con un grande specchio fissato ad un bastone, viene verificato che sotto l’auto non ci sia qualcosa di “anomalo…”

Un elegante concierge vestito in abiti tipici mi viene incontro aprendomi la portiera, mi porge la mano per scendere e mi fa strada con un sorriso. Un’accoglienza da principessa!

fairmont jaipur hotel

Un largo ingresso conduce direttamente ad un patio centrale circondato da uno splendido colonnato con un rigoglioso giardino: ed è subito un trionfo di luce! Percorro i raffinati corridoi accanto al mio contemporaneo “Visir” quando mi accorgo che, alle mie spalle, mi sta accompagnando la musica di alcuni suonatori.

Ma davvero mi stanno seguendo? Ne rimango davvero colpita!

fairmont jaipur hotel

Profumi, musiche e sorrisi, tutto mi riporta indietro nel tempo. Credo davvero di non aver mai soggionrato in un albergo tanto particolare in grado di trasmettermi sensazioni di un’altra epoca e,  mentre penso a tutto questo, il “Visir” si volta e mi fa cenno che ci siamo… Ecco la mia stanza!

Un alloggio da favola!

Apro la massiccia porta in legno borchiata che divide la stanza dal corridoio e rimango letteralmente a bocca aperta!

Un grande letto a baldacchino di ispirazione portoghese con un vassoio pieno di stuzzichini mi attende in una stanza con pavimenti in legno, foyer privato, soffitto a volta, mobili in legno massello, divani e una grande scrivania cesellata.

A sinistra del letto, tra due armadi, sotto un arco polilobato orientale, scopro una porta. La apro. Entro in quella che definirei una “sala da bagno” con argenteria e cornici d’oro a tema Mughal.

Il bagno è nettamente più grande di molti comuni appartamenti e oltre al marmo, ai doppi lavandini e specchiere, c’è spazio addirittura per una piscina tra la stanza del WC e la doccia.

Non posso crederci!

fairmont jaipur hotel, la mia camera

In questa stanza principesca mi preparo così per quello che sarà il primo degli eventi di questo matrimonio induista.

Inizio la vestizione dell’abito tradizionale indian lehenga. Scopro da subito che è semplicissimo da indossare rispetto al sari (che richiede l’aiuto di una seconda persona esperta). E’ provvisto infatti di una zip e bottoncini che richiudo man mano lo indosso. Infilo il pantalone tipico, prendo la stola e in un attimo sono pronta.

fairmont jaipur hotel, il mio abitofairmont jaipur hotel, la mia camera

Verso il ricevimento di benvenuto

Nella hall centrale trovo ancora il “Visir” che mi accompagna verso il ricevimento di benvenuto.

Solo ora noto il servizio di sorveglianza nelle sale e nei corridoi: ad ogni angolo ci sono delle guardie (giorno e notte). Un’attenzione verso la sicurezza degli ospiti. Mi domando: è davvero così necessaria?

Il Fairmont Jaipur è un dedalo di stanze tant’è che, se fossi sola, temo avrei bisogno del filo di Arianna per ritrovare la strada! Nonostante questo non provo nessuna sensazione di chiusura perché ad ogni svolta nuovi, strepitosi scorci catturano la mia attenzione.

fairmont jaipur hotel, il salonefairmont jaipur hotelfairmont jaipur hotel

Passando da una sala all’altra mi convinco sempre più come il Fairmont Jaipur Hotel sia certamente uno tra i Resort più belli dell’India. Il lusso che lo contraddistingue risiede nella sua architettura tradizionale, un fascino fortemente orientale legato a simmetrie, profumi di un tempo passato, suoni di un’epoca da non dimenticare. Un tributo alla grande dinastia Moghul!

fairmont jaipur hotel, il salone

Mentre cammino accanto ad un’immensa vetrata, d’un tratto mi blocco. Il mio sguardo è rapito da una vista fiabesca! Piscine, specchi d’acqua e giardini disegnati che, con i raffinati chiostri, creano insieme al paesaggio un quadro di un’epoca che non mi sembra contemporanea. Indugio qualche istante, voglio fissare questa immagine nella mia memoria per renderla indelebile.

Mi volto. Il Visir mi indica con un gesto del braccio una direzione. Davanti a me un grande varco ogivale, la pesante porta si apre piano e, come uno Stargate, mi catapulta indietro nel tempo… Sono arrivata al ricevimento!

 

Se vuoi sapere cosa mi aspetta al ricevimento pre-matrimonio iscriviti alla newsletter per ricevere una mail quando pubblicherò il resto della storia!

fairmont jaipur hotel, by night

2 Comments

  1. L’ho letto tre volte. Tutto d’un fiato. Sempre. Dinamico, preciso, curato. Ma soprattutto fresco, coinvolgente, interessante. Impreziosito da descrizioni e riflessioni che…son da pochi. Il tuo migliore. Hai portato il lettore a viaggiare, con piacere…Ora attendiamo con curiosità i prossimi!!

    • Paola Reply

      Mi fa molto piacere essere riuscita a portarti dentro il viaggio! Vedrai ancora quante sorprese mi attenderanno! 😉

Write A Comment

Iscriviti alla mia newsletter

Riceverai una mail SOLO quando pubblico i miei nuovi post

Le tue informazioni non saranno condivise con terze parti